Carmelo Santa Maria della Vita

Un Monastero che prega per l'accoglienza e il rispetto di ogni Vita umana

i nostri appuntamenti

Il tuo Volto Signore, 

io cerco

27/08 - 2/09  2018

Proposta per giovani

Pittura e Lettura 

della Parola di Dio 

 Vedi 

Monos

alle radici del 

Canto sacro

Concerto 

Ortodosso - Cattolico 

26 luglio 2018

Icone scritte da noi

 


Vangelo di domenica

Presentazione

del Vangelo della domenica


 Continua a leggere 

Una parola per te...

La luce del Cristo che risorge glorioso

disperda le tenebre del cuore e dello spirito

Un Carmelo per la Vita

Il 26 giugno 1992, solennità del Sacro Cuore di Gesù, nell'antico e disabitato Monastero agostiniano di Sogliano al Rubicone, è stata fondata una singolare comunità carmelitana: il Carmelo Santa Maria della Vita. É stato, quel giorno, il solenne venire alla luce di una creatura concepita da sempre nel cuore di Dio e, da qualche anno, in quello di persone a Lui consacrate, in stretta comunione con gli amici del Movimento per la vita.

Un Carmelo per la vita è anzitutto un Carmelo; cioè un luogo di com-Passione-Morte-Risurrezione in Cristo Signore; ma, in particolare, il Carmelo per la vita, riconosce di essere chiamato ad una specifica missione per la vita... per la vita di ogni bimbo concepito che non viene neppure considerato una persona dai più solo perché non ha voce per farsi sentire e grandezza per farsi vedere!  Questa piccola comunità porta nel cuore le ferite di questo tempo nel quale è fortemente messa in discussione la sacralità della vita e prega più volte al giorno per essa, in particolare all'Angelus e ogni ultimo sabato sera del mese durante la Veglia per la Vita.

Ci sentiamo vicine a tutti i gruppi che operano in favore della vita; alle famiglie, in seno alle quali Dio ha posto il suo atto creativo; a tutti i giovani che cercano la pienezza della Vita e a chiunque è  alla ricerca della Verità.




Veglia per la Vita

L'ultimo sabato del mese vegliamo in adorazione 

affinchè ogni vita sia accolta, amata, difesa, servita


 continua a leggere