Carmelo Santa Maria della Vita

Un Monastero che prega per l'accoglienza e il rispetto di ogni Vita umana

i nostri appuntamenti

Veglia per la Vita 

20 agosto ore 21


 Vedi 


Concerto di musica sacra in onore della Madonna del Carmine

26 luglio 2016

Icone scritte da noi

 


Vangelo di domenica

Presentazione

del Vangelo della domenica

di don Cesare Perugini


 Continua a leggere 

Una parola per te...

Prendiamoci per mano e corriamo verso l’ultimo posto... 

nessuno verrà a contendercelo! STGB

Come è Maria e dove è Maria,

saremo anche noi


15 agosto Solennità della

Dormizione - Assunzione

della Madre di Dio


Diffuso nelle Chiese bizantine è l'uso di cantare,

particolarmente nella prima quindicina di agosto,

il canone della Paràklisis.

Questo è anche tempo di digiuno in preparazione

alla grande solennità della Dormizione della madre di Dio.

 

 Canone paracletico alla Madre di Dio

 Composizione poetica con regole fisse di nove odi.

La seconda ode è presente soltanto nei canoni quaresimali

I

Oppresso da molte tentazioni, mi rifugio presso di te cercando salvezza. O Madre del Verbo e Vergine, salvami dalle sventure e dai pericoli.

Mi turbano gli assalti delle passioni colmando di sconforto l'anima mia; dammi pace, o Vergine tutta-pura, la pace del figlio tuo.

O Vergine, che hai generato il Dio salvatore, ti supplico, liberami da ogni avversità, perché in te mi rifugio e a te elevo l'anima e la mente.

Degna di una visita divina e della tua provvidenza il mio corpo malato e la mia anima, o sola Madre di Dio, tu che sei buona e genitrice del Buono.

III

Ti pongo a difesa e protezione della mia vita, vergine Madre di Dio. Guidami al tuo porto, fonte di ogni bene, sostegno dei credenti, sola degna di ogni lode.

Ti supplico, Vergine, dissipa il turbamento dell'anima mia e la tempesta del mio scoraggiamento; poiché tu, Sposa divina, hai generato Cristo, colui che guida alla pace, o sola purissima.

O tu che hai generato il Benefattore, fonte di ogni bene, effondi su tutti l'abbondanza dei tuoi beni. Tu puoi tutto, o beatissima, che hai generato Cristo, il forte nella potenza.

Porgimi aiuto, o Vergine, perché sono tormentato da penose malattie e insane passioni; in te riconosco, o Tutta-pura, il tesoro inesauribile che offre guarigione.

 IV

O Sposa divina, che hai generato il Signore, guida del mondo, calma il turbamento delle mie passioni e il tumulto dei miei peccati.

Dischiudi a me che ti invoco l'abisso della tua misericordia, tu che hai generato il Misericordioso e il Salvatore di tutti quelli che ti cantano.

Noi che ti riconosciamo Madre di Dio, godendo dei tuoi favori, a te cantiamo un inno di ringraziamento.

O degna di ogni lode, noi che in te troviamo speranza, sostegno, difesa sicura della nostra salvezza, per te siamo liberati da ogni avversità.

 V

O pura, riempi di gioia il mio cuore, donandomi la tua gioia incorruttibile, tu che hai generato la causa della nostra gioia.

Liberaci dai pericoli, o casta Madre di Dio, tu che hai generato l'eterna liberazione e la pace che supera ogni pensiero.

Con l'irradiazione del tuo splendore, dissipa la nebbia delle mie colpe, o Sposa di Dio, tu che hai generato la luce divina ed eterna.

Guarisci, o pura, l'infermità delle mie passioni, rendimi degno di una tua visita e concedimi la guarigione grazie alla tua intercessione.

VI

O Vergine, supplica il tuo figlio e Signore che, consegnando se stesso alla morte, ha salvato dalla corruzione e dalla morte la mia natura decaduta per la corruzione e la morte, di liberarmi dalla malvagità dei nemici.

Ti riconosco, o Vergine, come protezione e sicurissima difesa della mia vita; tu dissipi i flutti delle tentazioni e respingi gli assalti dei demoni. Io sempre ti supplico di liberarmi dalla corruzione delle mie passioni.

Noi possediamo te, o Vergine, quale rifugio e salvezza delle nostre anime, conforto nelle tribolazioni, e sempre ci rallegriamo alla tua luce. Anche ora, o Signora, salvaci dalle passioni e dai pericoli.

Riposo in un letto di dolore e non vi è salute per il mio corpo, ma tu che hai generato il Dio e Salvatore del mondo, colui che guarisce dalle malattie, o buona, ti supplico: risollevami dalla disgrazia delle mie debolezze.

 

VII

 

Quando, o Salvatore, hai voluto concederci la salvezza, hai preso dimora nel seno della Vergine, facendone la protezione del mondo. O Dio dei nostri padri, sii benedetto!

Madre purissima, che hai generato il Dio compassionevole, supplicalo di liberare dai peccati e dalle macchie dell'anima quanti gridano con fede: «O Dio dei nostri padri, sii benedetto!».

Hai mostrato colei che ti ha generato quale tesoro di salvezza, fonte di incorruttibilità, torre di sicurezza e porta di penitenza per quelli che gridano: «O Dio dei nostri padri, sii benedetto!».

O Madre di Dio, che hai generato Cristo salvatore, degnati di sanare le malattie del corpo e dell'anima di quanti ricorrono con affetto alla tua divina protezione.

 VIII

O Vergine, non disprezzare coloro che invocano il tuo aiuto e nei secoli cantano a te, o Fanciulla.

Tu riversi, o Vergine, l'abbondanza delle guarigioni su quelli che ti cantano ed esaltano il tuo parto ineffabile.

Tu risani, o Vergine, le infermità della mia anima e i dolori del mio corpo, perché io ti glorifichi per i secoli, o Benedetta.

Tu respingi, o Vergine, gli assalti delle tentazioni e le insidie delle passioni; per questo cantiamo a te per tutti i secoli.

 IX

Non disprezzare, o Vergine, i torrenti delle mie lacrime, tu che hai generato Cristo, che asciuga le lacrime da ogni volto.

Riempi di gioia il mio cuore, o Vergine, tu che hai cancellato il lutto e l'amarezza del peccato accogliendo la pienezza della gioia.

Porto e protezione di quanti ricorrono a te sii tu, o Vergine, e baluardo sicuro, rifugio e letizia.

O Vergine, dissipando le tenebre dell'ignoranza, illumina con i raggi della tua luce quelli che devotamente ti proclamano Madre di Dio.

Guariscimi, o Vergine, conducendomi dalla malattia alla salute perché sono oppresso dalla malattia e dalla debolezza.

Gloria…



La preghiera per la Vita



O Maria

aurora del mondo nuovo, Madre dei viventi, 

affidiamo a Te la causa della vita: 

guarda, o Madre, al numero sconfinato di bimbi 

cui viene impedito di nascere, di poveri cui è reso difficile vivere, 

di uomini e donne vittime di disumana violenza, 

di anziani e malati uccisi dall'indifferenza o da una presunta pietà.

Fa che quanti credono nel tuo Figlio sappiano annunciare con franchezza 

e amore agli uomini del nostro tempo il Vangelo della vita.

Ottieni loro la grazia di accoglierlo come dono sempre nuovo,

la gioia di celebrarlo con gratitudine in tutta la loro esistenza 

e il coraggio di testimoniarlo con tenacia operosa, 

per costruire, insieme con tutti gli uomini di buona volontà, 

la civiltà della verità e dell'amore. 

a lode e gloria di Dio creatore e amante della vita.



Veglia per la Vita

L'ultimo sabato del mese vegliamo in adorazione 

affinchè ogni vita sia accolta, amata, difesa, servita


 continua a leggere